Lago Trasimeno


Hotel Aganoor si trova in un territorio ricco di storia e di arte, tra i più affascinanti d’Italia.
Situato nel Centro Storico di Castiglione del Lago, in Umbria ma a pochi passi dalla Toscana, si trova infatti nelle vicinanze delle più importanti città d’arte del centro Italia come Perugia, Assisi, Orvieto, Siena, Cortona e non distante da Roma e Firenze.

L’Umbria, cuore verde d’Italia, è una regione unica per la bellezza dei suoi panorami e la sua tradizione enogastronomica. Ottima cucina, storia, fede e cultura sono elementi essenziali per un viaggio indimenticabile. 

Il Trasimeno, con una superficie di 128 km² e una circonferenza di circa 54 km, è il lago più esteso dell’Italia centrale e quarto tra i laghi italiani.
Luogo in cui la tradizione dei pescatori si fonde con quella del mondo contadino, il Trasimeno regala panorami incantevoli, dove la bellezza della natura e dei borghi storici si fondono per regalare emozioni uniche.

 

La Leggenda di Agilla e Trasimeno

 

La leggenda narra dello sfortunato amore tra Trasimeno, figlio del re etrusco Tirreno, e la ninfa Agilla.

L’incontro tra i due amanti avvenne sull’isola Polvese posta proprio in mezzo al lago. Trasimeno, attirato da un canto angelico proveniente dall’isola, incontrò la ninfa e fu subito folgorato dalla sua bellezza. L’amore sbocciò immediatamente forte e reciproco.

Il re Tirreno concesse loro il permesso di sposarsi solo dopo aver spento a fatica le sue iniziali incertezze.

Ma un destino crudele si stava abbattendo sui due amanti e la loro felicità durò solo un giorno.

Il giorno seguente le nozze infatti, mentre Agilla lo guardava dalla riva, il giovane Trasimeno si tuffò per un bagno rinfrescante nelle dolci acque del lago… senza riemergerne mai più.

Agilla per giorni e giorni lo cercò senza mai perdere la speranza di ritrovarlo. Il destino avverso volle infine che anch’essa morì mentre cercava il suo amato tra le barche dei pescatori del lago.

La leggenda vuole che l’anima nella ninfa non abbandonò mai le acque del lago. Tutt’oggi i pescatori narrano che in estate, quando spira il vento fresco da ovest, si può ancora sentire l’amaro pianto di Agilla. E ogni volta che un’onda cerca di rovesciare una barca non è altro che la ninfa che pensa di aver ritrovato il suo amato.

 

Castiglione del Lago

 

Altre versioni della leggenda raccontano invece di un’Agilla invaghita del bel giovane che non potendolo avere lo imprigiona dopo averlo attirato col suo canto. Solo col tempo Trasimeno arriva a contraccambiare i suoi sentimenti e una volta liberato, preso dal dolore, comincia a piangere ininterrottamente. Le sue lacrime disperate avrebbero quindi dato origine al lago.

In realtà sembra che il nome del lago non abbia origini mitologiche. Si pensa che derivi dalla montagna che delimita a nord il lago che in epoca etrusca veniva chiamata Imeno (o Menio). Per la sua posizione geografica quindi Trasimeno significherebbe “oltre il monte Imenio (o Menio).

 

Lago Trasimeno

RICHIEDI DISPONIBILITÀ





Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Provincia di Provenienza (richiesto)

Cellulare (richiesto)

Dove ci hai conosciuto?

Oggetto

Messaggio (richiesto)

Leggi attentamente Privacy & Cookies Policy

Acconsento all'invio di Newsletter
Acconsento all'invio di Promozioni

captcha

Inserisci qui il Codice Anti Spam

Call Now
Directions